Coda Di Rospo Alla Giardiniera


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Separate la coda di rospo in quattro filetti
  • 2. Preparare il fumetto facendo bollire in 60 cl di acqua e 1/2 bicchiere di vino, la carota, la rapa, la cipolla e l'aglio tagliati a pezzi non troppo piccoli.Unitevi gli aromi, la polpa dei pomodori, le lische e le teste delle sogliole e della coda di rospo
  • 3. Fate bollire coperto a fuoco moderato per circa trenta minuti
  • 4. Nel frattempo, dopo aver eliminato la cotenna dalla pancetta, tagliatela a dadini.Mondate gli scalogni, le carote e i ravanelli, lavateli e tagliateli a dadini piccoli.Mondate il sedano e tagliatelo a pezzetti un po' più grossi.Raschiate le patate, lavatele e tagliateli a dadini
  • 5. In una padella fate saltare la pancetta finché il grasso si scioglie
  • 6. Unitevi 100 g di burro, fate fondere e unitevi gli scalogni, le carote, i ravanelli, il sedano e le patate.Coprite la padella e lasciate cuocere a fuoco medio per circa 20 minuti, mescolando di tanto in tanto
  • 7. Unite i piselli, salate e pepate leggermente
  • 8. Quando le verdure sono cotte, disponetene 2/3 sul fondo di una pirofila, adagiatevi sopra i filetti di pesce e ricoprite con la verdura rimanente
  • 9. Scaldate il forno a 200 gradi.Versate 1/2 bicchiere di vino bianco nella padella dove avete cotto le verdure.Fate scaldare mescolando e aggiungete il fumetto attraverso un setaccio
  • 10. Portate a ebollizione, abbassate la fiamma e lasciate bollire finché il liquido si sarà ridotto della metà
  • 11. Versate metà del liquido sul pesce e fate cuocere in forno scoperto per venti minuti
  • 12. Portate a bollore il resto del fumetto e aggiungetevi poco per volta il burro sbattuto con la farina, fino ad ottenere una salsa liscia e densa
  • 13. Lasciate bollire un paio di minuti e aggiungetevi la panna
  • 14. Versate la salsa sul pesce al momento di servire.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...