• Savoiardi

Savoiardi

Sono tra i biscotti più famosi e più usati in pasticceria, non solo da servire da soli o insieme a dessert al cucchiaio, ma anche come base per la preparazione di svariati tipi di dolci morbidi, quali il Tiramisu, le Charlotte, la Zuppa inglese. La pasta, che a fine cottura risulta gonfia e morbida, può essere impiegata anche per preparare dolcetti quali ‘Teste di moro’, petit four e altri che devono conservare una certa forma per essere poi guarniti in vario modo. Gli stessi savoiardi possono essere preparati, oltre che nella forma classica, in altre forme a piacere, variando anche le dimensioni dei biscotti.


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Ponete i tuorli in una terrina
  • 2. Per separare i tuorli dagli albumi, rompete le uova, uno alla volta, sul bordo di una tazza e fate scivolare gli albumi nel recipiente, facendo attenzione a non lasciarne tracce nei tuorli
  • 3. Unite quindi a questi ultimi un quarto dello zucchero e l'interno di una stecca di vaniglia, raschiato con un coltello
  • 4. Mescolate i tuorli e lo zucchero con una frusta, senza sbatterli, in modo che lo zucchero si sciolga e il composto risulti omogeneo, chiaro e ben gonfio
  • 5. Se utilizzate lo sbattitore elettrico, iniziate a lavorare gli ingredienti con la velocità più bassa e aumentatela solo quando tuorli e zucchero si saranno amalgamati perfettamente
  • 6. Ponete otto albumi in una terrina pulita e montateli a neve con una frusta o con lo sbattitore elettrico
  • 7. Incorporate agli albumi il resto dello zucchero, facendolo scendere lentamente da un foglio di carta pergamena
  • 8. Mentre unite lo zucchero, continuate a mescolare con la frusta in modo da amalgamarlo perfettamente
  • 9. Setacciate la fecola di patate su un foglio di carta pergamena, quindi unitela lentamente al composto di albumi e zucchero, mescolando con un cucchiaio di legno
  • 10. Ogni volta che aggiungete un ingrediente agli albumi montati, dovete operare con molta attenzione per non smontare il composto
  • 11. Vi consigliamo di mescolare lentamente, effettuando movimenti rotatori sempre nella stessa direzione
  • 12. Unite il composto di tuorli a quello di albumi
  • 13. Aggiungete lentamente il composto di tuorli e zucchero a quello di albumi, mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno per non smontare il tutto
  • 14. Dovete ottenere un composto soffice e gonfio, di colore chiarissimo
  • 15. Unite la farina al composto di uova e zucchero, facendola cadere da un setaccio
  • 16. Mescolate in continuazione e con delicatezza servendovi di un cucchiaio di legno, in modo da amalgamarla perfettamente
  • 17. Dovete ottenere un impasto gonfio e sodo allo stesso tempo, altrimenti i biscotti non manterranno la forma durante la cottura
  • 18. Coprite la piastra del forno con un foglio di carta pergamena tagliato a strisce leggermente più grandi della lunghezza che avranno i biscotti: questo accorgimento vi permetterà di sollevare i savoiardi dalla piastra, dopo la cottura, senza romperli
  • 19. Distribuite sulla carta il composto preparato facendolo uscire da una tasca di tela con bocchetta liscia n
  • 20. 7; se desiderate che i savoiardi abbiano la forma tradizionale, dovete formare delle strisce lunghe circa 10 cm
  • 21. Ponete lo zucchero a velo in un piccolo setaccio a maglie fini e fatelo cadere sui biscotti allineati sulla piastra
  • 22. Non è obbligatoria l'aggiunta dello zucchero, tuttavia questo rende i biscotti più buoni e contribuisce a formare il colore dorato della superficie, durante la cottura
  • 23. Infine passate i savoiardi nel forno caldo (180 gradi) per 8-10 minuti
  • 24. Prima di sfornarli, controllate il punto di cottura
  • 25. Quando i savoiardi sono cotti, toglieteli dalla piastra del forno sollevando, una alla volta, le strisce di carta pergamena
  • 26. Fate strisciare la carta sul bordo di una scatola di latta o di un tavolo: i biscotti si staccheranno da soli senza rompersi
  • 27. Se non li consumate subito, conservateli in scatole di latta, inframezzando i vari strati con un foglio di carta oleata: si manterranno fragranti per due settimane
  • 28.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...