Pizza Alla Campofranco


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Versate 300 g dì farina sulla spianatoia, unite un pizzico di sale e un cucchiaio di zucchero, mescolate e fate la fontana
  • 2. Tagliate il burro a pezzettini; intiepidite il latte; rompete un uovo separando il tuorlo dall'albume e tenete da parte metà del tuorlo per la doratura
  • 3. Diluite il lievito nel latte tiepido
  • 4. Versate nella fontana il burro, tre uova intere più l'albume, metà del tuorlo del quarto uovo e il lievito stemperato nel latte
  • 5. Impastate e lavorate la pasta
  • 6. Quando la pasta è diventata soffice ed elastica fatene una palla e mettetela in una terrina infarinata; copritela con un canovaccio e mettetela in un luogo tiepido
  • 7. Lasciate lievitare per due o tre ore
  • 8. Nel frattempo tagliate la mozzarella a fettine sottili; tagliate il prosciutto a listarelle; sbollentate i pomodori, eliminate i semi e tagliateli a filetti; tagliuzzate il basilico
  • 9. Versate un cucchiaio di olio in una padella e rosolatevi i pomodori a fuoco vivace per due o tre minuti
  • 10. Finita la lievitazione della pasta rimettetela sulla spianatoia, lavoratela per qualche minuto e dividetela in due pezzi di cui uno leggermente più grosso
  • 11. Ungete una teglia con un po' di strutto e rivestitela con un disco di pasta ricavato dal pezzo più grosso
  • 12. Coprite la pasta con i pomodori, salate e cospargete di basilico tagliuzzato
  • 13. Disponete la metà della mozzarella e il prosciutto sopra il basilico
  • 14. Finite con la mozzarella rimanente
  • 15. Cospargete con parmigiano
  • 16. Appiattite l'altro pezzo di pasta in un disco delle dimensioni della pizza, posatevelo sopra, sigillate i bordi
  • 17. Mescolate il mezzo tuorlo tenuto da parte con un cucchiaio di acqua e spennellate la superficie della pasta
  • 18. Infornate, lasciate cuocere per trenta o quaranta minuti
  • 19. Servite immediatamente.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...