Pepper Jelly

Il Pepper Jelly è un condimento in uso negli Stati Uniti meridionali, dove è molto amato l’abbinamento tra sapori dolci e piccanti. Viene generalmente servito con carni arrosto. Il petto d’anatra arrosto, coperto da una crosticina dorata e croccante, è l’ideale da gustare con il Pepper Jelly. Potete semplicemente servire la gelatina insieme alla carne cotta separatamente, oppure far rosolare in padella il petto affettato, 3 minuti per lato a fuoco vivo, quindi unire la gelatina e terminare la cottura nel forno a 220 gradi per 6-8 minuti.


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Lavate le mele, tagliatele in quarti e ponetele in una pentola capace
  • 2. Unite l'acqua, la scorza di limone grattugiata e un terzo dello zucchero e portate a ebollizione, quindi abbassate la fiamma e fate cuocere a recipiente coperto per 45 minuti circa
  • 3. Trascorso questo tempo, rivestite un setaccio con un telo pulito e appoggiatelo su una terrina capiente; ponete le mele cotte nel telo e lasciatele sgocciolare, senza spremerle
  • 4. Lavate e asciugate i peperoncini verdi e rossi, privateli dei semi e delle membrane bianche interne e riducete la polpa a dadini minuti
  • 5. Mescolate in una casseruola i peperoncini, la cipolla e l'aceto e portate a ebollizione
  • 6. Unite il resto dello zucchero e fate cuocere a calore moderato fino a quando lo zucchero si sarà sciolto
  • 7. Versate nella casseruola il succo estratto dalle mele e proseguite la cottura sempre a calore moderato per 1 ora circa
  • 8. Al termine prelevate con un cucchiaino un poco di gelatina e versatela su un piatto: se si rassoda, togliete la casseruola dal fuoco
  • 9. Qualora non consumaste la gelatina in una volta sola, potete con- servarla in un vaso di vetro con chiusura ermetica, avendo cura di mescolarla finché si sarà raffreddata per evitare di far depositare sul fondo i pezzetti di peperoncino
  • 10.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...