Pennette Veraci


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Pulite accuratamente le cozze e le vongole, mettetele in un largo tegame e fatele cuocere a calore moderato e a recipiente coperto fino a quando si saranno aperte
  • 2. Scartate le conchiglie rimaste chiuse ed estraete i molluschi dalle altre, raccogliendoli in un piatto insieme al liquido che hanno emesso, filtrato; tenete tutto in caldo
  • 3. Pulite i calamari e le seppie, lavateli, asciugateli e dividete le sacche dai gruppi di tentacoli; lasciate questi interi e riducete le prime ad anelli
  • 4. Fate rosolare in una casseruola con due cucchiai d'olio la cipolla e due spicchi d'aglio tritati, a fuoco dolce per 2-3 minuti
  • 5. Unite le seppie e i calamaretti e lasciateli insaporire per un paio di minuti, poi bagnateli con il vino e alzate la fiamma per farne evaporare una parte
  • 6. Aggiungete i pomodori passati al setaccio, un bicchiere d'acqua tiepida, un peperoncino (che poi toglierete), una presa di sale e la salvia, mescolate e fate cuocere per 30 minuti a calore moderato
  • 7. Nel frattempo mondate i funghi, affettateli nel senso della lunghezza e fateli rosolare in una casseruola col resto dell'olio e uno spicchio d'aglio schiacciato, a fuoco basso per 7-8 minuti
  • 8. Toglieteli dal recipiente quando cominciano a colorire, eliminate l'aglio e ponete nella stessa casseruola le vongole e le cozze col loro liquido e i gamberetti, sgusciati e lavati
  • 9. Unite il Marsala e fate cuocere per 10 minuti a calore moderato
  • 10. Al termine mettete nella casseruola anche i calamaretti, le seppie e i funghi, cospargete con il basilico tritato e lasciate cuocere tutt'assieme per pochi minuti
  • 11. Lessate al dente la pasta in una pentola piena d'acqua salata bollente, scolatela e mettetela in una zuppiera calda
  • 12. Condite le penne con il sugo preparato, mescolate con cura e servite.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...