Panini Con Hamburger A Fantasia


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Preparate la mousse di tonno e la salsa verde, che serviranno per la farcitura: ponete il burro ammorbidito in una terrina e lavoratelo a crema con un cucchiaio di legno, quindi incorporatevi il tonno, ben sgocciolato dall'olio di conserva e sminuzzato, un cucchiaino di capperi e un filetto d'acciughe, anch'essi scolati dai rispettivi liquidi di conserva e tritati finemente
  • 2. Mescolate il tutto fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo e spumoso
  • 3. Aromatizzate la mousse così preparata con il succo di mezzo limone e mettetela da parte
  • 4. Per la salsa verde, tritate finemente il prezzemolo con un tuorlo d'uovo sodo, due filetti d'acciughe, un cetriolino e un cucchiaino di capperi sciacquati sotto l'acqua tiepida
  • 5. Ponete il trito in una terrina e mescolatevi la mollica di un panino, ammorbidita con l'aceto e strizzata, una presa di sale e un bicchiere d'olio (meno due cucchiai)
  • 6. Mescolate con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una salsa omogenea, poi mettetela da parte
  • 7. Fate cuocere gli hamburger in un tegame con due cucchiai d'olio, a calore moderato per 10 minuti, avendo cura di girarli un paio di volte e di insaporirli con il sale necessario e una macinata di pepe
  • 8. Tagliate a metà i quattro panini e farcite il primo con le foglie di lattuga, lavate e asciugate, un pomodoro e un uovo sodo, entrambi tagliati a fettine, un hamburger e un cucchiaio di salsa verde
  • 9. Riempite il secondo panino con fettine di pancetta affumicata, un hamburger e i ravanelli tagliati a rondelle sottili
  • 10. Farcite il terzo panino con un hamburger e uno strato di cipollina cruda affettata, e l'ultimo con un pomodoro ridotto a fettine, un hamburger, un cucchiaio di mousse di tonno e un cetriolino tagliato a ventaglio
  • 11. Portate in tavola i panini servendo a parte ciò che resta della salsa verde e della mousse di tonno.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...