Pandolce Ai Semi Di Papavero


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. In una terrina setacciate la farina disponendola a fontana, fate un incavo al centro, ponetevi il lievito sbriciolato e scioglietelo con un po' di latte tiepido
  • 2. Cospargete il miscuglio con poca farina e lasciatelo lievitare, coperto, in un luogo caldo per 15 minuti
  • 3. In una casseruolina fate fondere il burro a fuoco dolce, lasciatelo intiepidire, quindi mescolatelo, in una terrina, con le uova, lo zucchero, il sale, la scorza grattugiata del limone e le mandorle tritate
  • 4. Mescolate il composto al panetto lievitato e lavorate il tutto fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea
  • 5. Coprite la terrina e fate lievitare per 20-25 minuti
  • 6. In un pentolino portate ad ebollizione 3/4 di latte con i semi di papavero, quindi lasciate riposare il tutto per 10 minuti
  • 7. In una ciotola mescolate il resto del latte con il tuorlo, la fecola, lo zucchero ed il burro, fuso e tiepido
  • 8. Incorporate il composto ottenuto al latte con i semi di papavero, portate nuovamente ad ebollizione e fate raffreddare
  • 9. Lavorate brevemente la pasta lievitata e stendetela con il matterello in una sfoglia rettangolare di 30 x 40 cm
  • 10. Spalmatevi sopra il composto al papavero ed arrotolate la sfoglia partendo dai due lati lunghi e andando verso il centro del rettangolo
  • 11. Adagiate il dolce sulla piastra del forno imburrata, copritelo con un canovaccio e fatelo lievitare fino a quando avrà quasi raddoppiato il suo volume
  • 12. Cuocetelo in forno a 220 gradi per 15 minuti, poi portate la temperatura a 200 gradi e proseguite la cottura per altri 45-55 minuti
  • 13. Spennellate il pandolce, ancora caldo, con la glassa di albicocche, lasciatela asciugare per qualche minuto, poi stendete anche la glassa fondente insaporita con il rum e cospargete il centro del pandolce con le mandorle a scaglie.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...