Ribollita (2)


Recensioni

  • (0 /5)
  • (0 Voti)

Istruzioni

  • 1. Questa zuppa si chiama ribollita perché, in origine, erano i resti di una qualsiasi zuppa di magro riscaldati il giorno dopo in un tegame di coccio, cosparsi in superficie di finissime fettine di cipolla, pepe nero e olio d'oliva
  • 2. Si ritirava dal fuoco quando la cipolla era diventata d'oro e si serviva calda senza formaggio
  • 3. Comunque, oggi, una delle ribollite più diffuse è quella di cui diamo la ricetta
  • 4. In una pentola scaldate l'olio e insaporitevi carota, cipolla e sedano tritati
  • 5. Aggiungete i pomodori, il timo e le patate sbucciate tagliate a grossi dadi
  • 6. Lasciate insaporire, poi unite il cavolo nero tagliato a listerelle, i fagioli (quelli secchi vanno tenuti a bagno dalla sera prima) e coprite con due litri d'acqua fredda
  • 7. Salate e cuocete coperto per circa 2 ore
  • 8. Distribuite sul fondo di una larga pentola di coccio le fette di pane, versatevi sopra la zuppa, ponete in forno preriscaldato a 180 gradi e fate gratinare
  • 9. Prima di servire, spolverizzate con pepe nero macinato al momento, condite con due giri d'olio.

Lo chef

RicetteCulinarie

Abbiamo creato questo sito per dare sfogo al piccolo Chef che c’è in ognuno di noi, alzi la mano chi non si è sentito un po’ Cracco quando ha usato ...